Quantcast

Quale assicurazione per un dipendente all’estero su incarico o telelavoro?

Un dipendente che si reca all’estero per qualche settimana o qualche mese non è necessariamente distaccato o espatriato. Va semplicemente in missione professionale; i suoi centri di interesse rimangono nel suo paese d’origine.
Il caso di un dipendente che va al telelavoro è ancora leggermente diverso e il suo status dipenderà dal periodo di tempo che trascorrerà al telelavoro all’estero. A causa dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19, il telelavoro ha conosciuto un boom senza precedenti. Solleva ancora interrogativi sulla legislazione applicabile in termini di diritto del lavoro o sistema di sicurezza sociale.

Un dipendente può telelavorare all’estero?

Sì, il telelavoro può essere effettuato dall’estero. Tuttavia, se il dipendente decide di telelavorare, deve avvisare il suo datore di lavoro e avere un accordo prima di partire. Hai sempre un obbligo di salute e sicurezza nei confronti dei dipendenti, e devi quindi garantire che il luogo di lavoro non sia pericoloso.
Il telelavoro dall’estero non è privo di conseguenze, sia per il lavoratore che ne beneficia, sia per il datore di lavoro che lo autorizza.
Questo ha un impatto in termini fiscali ma anche in termini di sicurezza sociale. Il telelavoratore potrebbe dover pagare tasse e contributi previdenziali nel paese ospitante. In caso di infortunio sul lavoro durante il telelavoro, non sarà automaticamente considerato come tale… Il datore di lavoro e il telelavoratore devono quindi concludere uno scritto che menzioni il luogo del telelavoro nonché il periodo durante il quale il telelavoro può essere svolto fuori.

Quale protezione sociale per un dipendente che lavora da casa?

In termini di protezione sociale, il principio è l’assoggettamento del lavoratore nel paese in cui l’attività è svolta fisicamente. Tuttavia, accordi internazionali di sicurezza sociale (regolamenti europei, convenzioni bilaterali, decreti di coordinamento) potrebbero consentire di derogare a tale principio.

  • È necessario analizzare, per ciascun dipendente e in base ai paesi interessati, quali sono le possibili disposizioni contrattuali applicabili;
  • L’applicazione di questi accordi a volte può essere restrittiva, soprattutto nel caso di più attività. Se una parte sostanziale dell’attività è svolta nel suo Stato di residenza, il lavoratore deve essere necessariamente iscritto al sistema previdenziale dello Stato membro di residenza;
  • Il datore di lavoro può quindi essere tenuto a registrarsi localmente e impostare lì il libro paga.

Quale assicurazione sanitaria per un dipendente che telelavora all’estero?

L’espatriato, a differenza del distaccato, non beneficia più del sistema previdenziale del suo Paese di origine. Gli espatriati possono usufruire del sistema sanitario locale. Tuttavia, il periodo di attesa è spesso piuttosto lungo e offre garanzie piuttosto deboli. La soluzione migliore è stipulare un’assicurazione sanitaria internazionale. Mondassur, broker assicurativo da 20 anni, offre diverse opzioni assicurative per soddisfare tutte le tasche. Sarai coperto fino al 100% per il ricovero e la medicina di routine in base al piano di assicurazione all’espatrio scelto. Per un soggiorno da telelavoro, è spesso interessante scegliere un’assicurazione sanitaria internazionale dalla nostra gamma Goldstart.

Il caso della missione professionale all’estero

Nell’ambito di una missione professionale all’estero (distacco inferiore a 3 mesi), il datore di lavoro deve adottare le misure necessarie per garantire la sicurezza e proteggere la salute fisica e mentale dei dipendenti. Secondo il Codice della Previdenza Sociale, ogni dipendente che svolga una missione all’estero deve beneficiare della protezione sociale. Qualsiasi incidente che si verifica a un dipendente durante il suo incarico è considerato un infortunio sul lavoro ed è a carico dell’azienda.
Il distacco è caratterizzato da:

  • Un cambiamento sul posto di lavoro
  • Un breve soggiorno all’estero

Protezione sociale per i dipendenti in missione professionale all’estero

Il lavoratore in missione professionale all’estero resta sotto la responsabilità del datore di lavoro. Il dipendente fa ancora parte della forza lavoro dell’azienda nel suo paese di origine. Il suo contratto viene eseguito all’estero ma continua a essere pagato dalla sua azienda nel suo paese d’origine. Il lavoratore resta quindi affiliato al sistema previdenziale del suo Paese di origine, a differenza di un lavoratore espatriato. Per quanto riguarda la Previdenza Sociale, è come se non fosse partito.
I lavoratori distaccati sono assicurati contro tutti i rischi: vecchiaia, malattia-maternità-invalidità, disoccupazione, morte, infortuni sul lavoro e malattie professionali. Quasi allo stesso tasso di contribuzione del regime generale.

Quale assicurazione sanitaria per i dipendenti che viaggiano all’estero?

In qualità di datore di lavoro, hai la responsabilità di proteggere i dipendenti durante il loro viaggio d’affari all’estero. Non deve mancare un elemento fondamentale: l’assicurazione.

2 opzioni sono a tua disposizione:

1) O si sceglie un contratto individuale standard per l’incarico professionale. A seconda della durata di quest’ultimo, si stipula un’assicurazione di viaggio o un’assicurazione per gli espatriati

2) O si sceglie un contratto collettivo per assicurare tutti i dipendenti dell’azienda a livello globale. Da pochi dipendenti all’estero, privilegiamo soluzioni su misura e un rapporto specifico con un unico interlocutore tra i nostri consulenti. Questo per poterti fornire il miglior supporto possibile e rispondere alle domande dei tuoi dipendenti, responsabili delle risorse umane e delle finanze in tutto il mondo.

Acquistando un’assicurazione sanitaria internazionale, potrai limitare le possibili spese in caso di incidente.
Copre le spese mediche e previene tutti i rischi che possono comportare costi aggiuntivi per la missione. Come capirete, l’assicurazione è essenziale per l’organizzazione e il successo dell’espatrio dei dipendenti.

Mondassur ti consiglia per la tua assicurazione missione professionale all’estero

Mondassur ti propone contratti assicurativi di incarico professionale su misura per le tue esigenze se mandi in incarico i tuoi dipendenti. Alcune compagnie variano così le garanzie in termini di copertura per spese sanitarie, furto o deterioramento dei bagagli, cancellazione di missioni, gestione delle crisi. Inoltre garanzie contro il rischio di rapimento o riscatto, capitale di morte o più in generale assicurazioni previdenziali (indennità giornaliere, invalidità).
Il nostro know-how sta nel comprendere le vostre esigenze e conoscere le diverse offerte degli assicuratori. Questo ci permette di offrirti le migliori garanzie al miglior prezzo con un servizio di alto livello.

Collaboriamo con i più grandi assicuratori del mondo

AIG
V. VV
GAN
Chubb
Mondial assistance
allianz
LLOYD'S
Swisslife
AXA
Mutuaide assistance