Quantcast

Quale protezione sociale per un espatriato?

A differenza del distacco, l’espatrio comporta cambiamenti nei diritti e nei benefici sociali dei tuoi dipendenti.
In ogni caso, a seconda del Paese di espatrio, il lavoratore potrà beneficiare della protezione sociale del Paese in cui lavorerà.

Che cos’è la protezione sociale all’estero?

La protezione sociale si riferisce a tutti i meccanismi di previdenza collettiva, che consentono agli individui di far fronte alle conseguenze finanziarie dei “rischi sociali”. La protezione sociale si basa su diversi tipi di meccanismi:

  • Prestazioni sociali pagate direttamente alle famiglie. Possono essere in contanti o in natura. Ad esempio la pensione di vecchiaia o il rimborso dell’assistenza sanitaria.
  • Prestazione di servizi sociali, che si riferisce all’accesso a servizi, forniti a prezzo ridotto o gratuiti (es. asili nido, ospedali, ecc.).

Nell’ambito dell’espatrio e dell’obbligo del datore di lavoro di garantire la sicurezza dei propri dipendenti, la protezione sociale dell’espatriato copre in particolare le prestazioni sociali:

  • Malattia
  • Infortunio sul lavoro e malattie professionali
  • Vecchiaia e disoccupazione

Assicurazione volontaria per un espatriato

Espatriando all’estero, il lavoratore cessa di dipendere dalla sicurezza sociale del suo paese di origine. Deve rientrare nel sistema di protezione sociale del paese in cui lavora.
Se la protezione sociale di cui gode il tuo dipendente non è sufficiente nel paese di destinazione, può contribuire su base volontaria; oltre alla sua iscrizione obbligatoria nel paese di lavoro. Questa è un’assicurazione privata.

Troviamo diversi meccanismi nella maggior parte dei paesi con una scelta appropriata da fare in termini di assicurazione sanitaria per l’espatriato:

Scegliere un’assicurazione all’estero per compensare l’insufficienza delle infrastrutture mediche

Nella situazione di un sistema sanitario locale debole, è necessario acquistare un’assicurazione completa che praticamente “sostituirà” il sistema sanitario locale per coprire le spese sanitarie dell’espatriato. In alcuni paesi, l’espatriato può beneficiare di un’assicurazione pubblica locale. Tuttavia, in molti casi risulta essere insufficiente. Richiede la stipula di un’assicurazione in grado di coprire tutte le spese, nonché il rimpatrio in altri paesi che consentono il trattamento in conformità con gli standard medici internazionali. Il caso di paesi come Cambogia, Vietnam, Salvador.

Scegli un’assicurazione per gli espatriati per compensare la mancanza di un’assicurazione pubblica locale

Un sistema di supporto che esiste ma solo per i locali e non per gli espatriati. Ad esempio, a seconda del visto ottenuto, un espatriato a Singapore potrebbe non avere accesso all’assicurazione pubblica. Questo è anche il caso della Cina. Anche in questo caso, il dipendente deve avere un’assicurazione privata.

Scegli un’assicurazione per gli espatriati per facilitare l’accesso alle cure e accelerare la copertura

L’assicurazione privata per un espatriato è fortemente consigliata anche nei paesi a sistema pubblico ma insufficiente rispetto alle esigenze. Le maggiori disfunzioni riguardano spesso l’accesso alle cure e la lentezza del processo. Così nel Regno Unito, il sistema pubblico (National Health Service) limita il resto da pagare ma ti impone tempi di attesa a volte molto lunghi e non ti lascia la scelta dello specialista. Lo stesso vale per il Messico, dove i tempi di attesa possono essere lunghi anche in caso di emergenza.

Scegli un’assicurazione sanitaria internazionale oltre a un piano assicurativo obbligatorio locale

Questo è il caso in alcuni paesi come la Francia o il Canada, dove esiste un sistema pubblico locale di qualità che non copre determinate cure a condizione che tu possa beneficiarne come espatriato. L’appartenenza al sistema pubblico locale è spesso legata al permesso di soggiorno dell’espatriato e/o alla durata del soggiorno. Anche se il sistema pubblico rimane efficiente, sarà sempre fondamentale stipulare un’assicurazione aggiuntiva per il tuo dipendente espatriato. Si consiglia vivamente di stipulare un’assicurazione privata aggiuntiva per consentire al dipendente di essere adeguatamente rimborsato per le cure mediche all’estero. Anche in Svizzera, dove le cure dentistiche e ottiche non sono coperte dall’assicurazione sanitaria obbligatoria, si consiglia vivamente di scegliere un’assicurazione aggiuntiva.

Situazione di disoccupazione durante l’espatrio

Il dipendente lavora in un paese dell’Unione Europea:

Beneficerà dell’assicurazione contro la disoccupazione nel paese di espatrio.

Il dipendente lavora al di fuori dell’Unione Europea:

A seconda del paese di origine del lavoratore, lui o il suo datore di lavoro possono registrarsi prima della partenza per un regime volontario che contribuisce all’assicurazione che gli consente di essere risarcito in caso di disoccupazione.

Pensionamento per dipendenti espatriati

In quanto espatriato, il tuo dipendente deve contribuire ai fondi pensione del paese ospitante. I periodi trascorsi all’estero contano quindi ai fini della pensione. Tuttavia, i periodi trascorsi all’estero vengono presi in considerazione in modo diverso a seconda del paese di espatrio.
La regola è che l’espatrio all’interno dell’Unione Europea consentirà l’accumulo di regimi pensionistici per non essere penalizzati. Se l’espatrio avviene al di fuori dell’UE, devi guardare gli accordi firmati tra i paesi. Se il pensionamento è uno dei punti d’accordo con il Paese di espatrio, il riconoscimento della durata dell’espatrio all’estero sarà più facile. In caso contrario, devono essere previsti meccanismi di retribuzione variabile a seconda del Paese di origine del dipendente.

Il calcolo delle pensioni

Per calcolare le pensioni dovute da ciascun paese, i piani utilizzano l’importo più favorevole tra i risultati dei seguenti 2 calcoli:

  • 1° calcolo: la pensione “nazionale”. In ogni paese, la pensione a cui avrebbe diritto il lavoratore è calcolata applicando solo la legislazione nazionale, tenendo conto solo dei periodi contributivi in ​​quel paese.
  • 2° computo: la pensione “comunitaria”. La pensione a cui avrebbe diritto il lavoratore è calcolata tenendo conto di tutti i trimestri maturati in tutti i paesi dell’Unione. Tale importo viene poi ridotto in proporzione al tempo versato nel paese.

Viene utilizzato il maggiore di questi 2 importi, per ciascun paese. Le pensioni dei diversi paesi vengono poi sommate per dare la pensione totale. Ogni paese paga direttamente la sua quota di pensione.

Si prega di notare che il pensionamento non è concesso automaticamente, il dipendente deve richiederlo.

Lasciando il proprio Paese di origine, il tuo dipendente non rinuncia a tutte le coperture previdenziali. Salute, disoccupazione, pensione… tutti hanno diritto alla protezione sociale. Tuttavia, alcuni fattori variano da paese a paese; dovrai quindi familiarizzare con nuove procedure.

Collaboriamo con i più grandi assicuratori del mondo

AIG
V. VV
GAN
Chubb
Mondial assistance
allianz
LLOYD'S
Swisslife
AXA
Mutuaide assistance