Patricia Richer, ristoratrice espatriata in Costa Rica

Mondassur ha incontrato Patricia Richer, espatriata in Costa Rica che ha aperto un ristorante francese in Costa Rica. Ci parla della sua esperienza di espatrio e della sua esperienza nel sistema sanitario in Sud America e in particolare in Costa Rica.

assicurazione-whv-messico

Perché hai scelto di emigrare in Costa Rica?

Questa è una domanda che mi viene spesso posta: perché il Costa Rica e perché ho lasciato questo bellissimo paese che è la Francia?

Come imprenditore, ho scoperto che la situazione in Francia stava diventando sempre più vincolante, sia dal punto di vista sociale che economico, e ha reso i miei tentativi di imprenditoria più complessi. I costaricani sono sorpresi da questo approccio perché la Francia rappresenta un modello di successo, successo e futuro. Sono molto rispettosi della nostra scelta.

Sono molto ammirati. È per loro una forma di coraggio, di profondo rispetto lasciare le proprie radici, amici, famiglia, imbarcarsi sull’ignoto per realizzare i propri sogni.

Puoi parlarci del tuo ristorante in Costa Rica?

Attraverso la mia azienda di gastronomia francese La Terrasse, ho voluto portare all’estero uno stile di cucina pulito, moderno, democratizzato; portato da una passione intatta per diversi anni con i miei ristoranti nel Var. La mia attività in Costa Rica è stato un nuovo respiro. Offrire a una clientela costaricana un particolare approccio alla cucina francese dove l’estetica e la qualità di ogni prodotto hanno la precedenza. Lontano dalla corsa al volume di posate, la quantità.

La singolarità è un requisito. Qui ogni ingrediente è di qualità. Mi piace sempre ricordarvi che siamo liberi di creare, di immaginare costantemente, di inventare ogni giorno e di spingere i nostri limiti di ogni ingrediente. Insospettabili matrimoni di spezie e sapori. Nulla è impossibile, ogni persona incarna una sua filosofia.

Cosa ti piace del Costa Rica?

Sono stata sedotta dal quartiere storico di San José dove mi sono sistemata, fuori dai sentieri turistici. Sentivo che la mia vita qui corrispondeva ai miei desideri. A volte cerchiamo un posto dove atterrare e sappiamo che è lì che dobbiamo mettere le nostre valigie. Sta semplicemente accadendo. È qui che io e mio marito imbarchiamo in progetti tanto entusiasmanti quanto audaci.

È durante le mie passeggiate in città, che scopro questa bella casa costruita nel 1927. Creativi nell’anima, facciamo di questo posto un piccolo angolo di Francia. Ho imparato così tanto qui in Costa Rica, così tanto ricevuto che ho voluto restituirgli un po’ di quello che mi ha dato. Aprire la mia casa è normale per me, i miei amici lo sanno. Così accogliente Costa Rica e trasmettere la nostra esperienza, le nostre tradizioni, è meraviglioso!

Raccontaci un’esperienza in Costa Rica

Il viaggio ci apre alla diversità e sembra utile per il nostro sviluppo e realizzazione. Stabilirsi in un paese straniero significa mettere in pratica le nostre conoscenze, è dare una nuova vita alle nostre certezze e scoprire un’esperienza.

Sappiate impegnare, trovare in una cultura diversa una nuova gioia di vivere.

All’inizio siamo in un periodo di curiosità e interesse per il nuovo paese: scoperta, entusiasmo, fascino. Poi ci troviamo davvero di fronte alle realtà della vita quotidiana e alle difficoltà del Paese: sentiamo un vuoto e molto spesso una nostalgia. A poco a poco dopo 2 anni, ci allontaniamo accettando il nostro nuovo modo di vivere e adattando le nostre abitudini alla nuova cultura. Siamo poi rassicurati, finalmente sostituiamo le nostre vecchie abitudini con nuove. Siamo più obiettivi per gestire le situazioni e in grado di funzionare liberamente.

Il sostegno dei costaricani nella comprensione del paese è essenziale e necessario per trovare il proprio equilibrio. È quindi importante organizzare con successo questo approccio al fine di costruire progetti ambiziosi. Perché non possiamo cambiare i paesi, le culture senza questo approccio. Oggi siamo più obiettivi e premurosi. Guardiamo più indietro a quelle cose che ci mancavano così tanto o che ci hanno scioccato. E così, l’apertura mentale crea bellissime relazioni franco-costaricane.

Qual è stata la tua esperienza con il sistema sanitario in Costa Rica?

Per quanto riguarda la salute, le consultazioni e le medicine sono rimborsate molto male e hanno un prezzo eccessivo anche se si è abbonati al fondo previdenziale del paese. È vero che un’assicurazione medica privata deve essere considerata per le persone che risiedono all’estero. Ma i contributi annuali sono molto alti. Da parte mia, mi assicuro di rimanere in salute! Per un’emergenza in ospedale, l’assistenza è gratuita, l’ho sperimentato, un taglio al dito e alcuni punti.

Collaboriamo con i più grandi assicuratori del mondo

AIG
V. VV
GAN
Chubb
Mondial assistance
allianz
LLOYD'S
Swisslife
AXA
Mutuaide assistance