Negozia il tuo stipendio per gli espatriati

L’espatrio, sebbene sia una grande opportunità professionale, risulta essere uno sconvolgimento temporaneo nella vita di una persona.
Negoziare le condizioni del tuo espatrio aiuta a limitare i possibili ostacoli che possono sorgere quando vai a lavorare all’estero.

lavoro-espatrio-assicurazione

Negozia il tuo status durante il tuo soggiorno all’estero

Il tuo status deve essere determinato in base alla durata del tuo soggiorno all’estero e all’azienda per la quale lavorerai. In altre parole, se sei in distacco o se sei considerato un espatriato.
Infatti, lo status di espatriato deve essere distinto da quello di lavoratore distaccato. Il lavoratore distaccato conserva il suo contratto di lavoro con la sua azienda di origine. Con l’espatrio, il lavoratore firma un contratto di lavoro locale. Contribuisce quindi solo al regime locale.

Negoziare il tuo stipendio e la protezione sociale

Se espatrio fa rima con promozione, puoi negoziare il tuo stipendio oltre ai benefici dell’espatrio

• Fai il punto con il tuo datore di lavoro del tuo stipendio, corrispondente all’importo che avresti ricevuto se fossi rimasto nel tuo paese d’origine. In altre parole, lo stipendio lordo che hai ricevuto prima di essere inviato all’estero.
• Scopri quanto è lo stipendio di riferimento del tuo paese ospitante (equivalente a quello ricevuto da un cittadino locale per una posizione simile). Si dovrebbe anche conoscere gli stipendi di riferimento dei paesi terzi e internazionali, dopo di che si può valutare più facilmente lo stipendio a cui si può pretendere.
• Negoziare uno stipendio al netto delle imposte locali sui salari. Scopri la stabilità della valuta di pagamento della tua retribuzione e prendi in considerazione l’introduzione di misure di salvaguardia per limitare le variazioni del tasso di cambio.

Il bonus di espatrio. Ci sono premi di diversa natura:

• Il premio di difficoltà per le destinazioni difficili a causa della loro pericolosità o della loro situazione politica instabile. Anche a causa delle condizioni climatiche, della mancanza di infrastrutture scolastiche o sanitarie soddisfacenti.
• Il bonus di mobilità pagato all’inizio e alla fine della missione.
• Il premio per il costo della vita per destinazioni costose.
• Il premio di installazione per finanziare le prime spese in cantiere.

Anche la copertura previdenziale (salute per tutta la famiglia, contributi di disoccupazione e pensioni) deve essere affrontata. La perdita dei diritti di protezione sociale nel paese d’origine, se parzialmente o per niente compensata dal regime del paese ospitante, si traduce in una perdita virtuale di reddito per il lavoratore. Quest’ultimo dovrà risarcirsi con un’assicurazione privata. Di conseguenza, il futuro espatriato può negoziare, ad esempio, il sostegno della sua salute complementare e quella della sua famiglia sul posto.

Negozia i benefici durante il tuo espatrio

Aiuto per trasferirsi e stabilirsi all’estero
– Assistenza abitativa
– Assistenza allo spostamento
– Assistenza al trasporto
Aiuto per la famiglia
– Supporto per la scolarità dei bambini
– Per l’impiego del coniuge
– Per il mantenimento di link personali

Protezione sociale durante l’espatrio

Lo status di dipendente espatriato implica necessariamente un cambiamento della copertura previdenzia sociale. Questa protezione sociale all’estero tiene conto di tutti i meccanismi pensionistici che riguardano malattia, invalidità, disoccupazione, pensionamento, ecc.
Per quanto riguarda l’assicurazione sanitaria, i costi sanitari variano da un paese all’altro e possono essere molto costosi; Si consiglia vivamente di stitare un’assicurazione sanitaria complementare per espatriati. Mondassur, broker nell’assicurazione sanitaria internazionale da 20 anni, offre diverse soluzioni assicurative anche per gli espatriati: GoldExpat. Con la stesa dell’assicurazione GoldExpat, gli espatriati sono garantiti per essere molto ben coperti in tutto il mondo durante il loro viaggio.

Negoziare le condizioni di ritorno nel paese di origine

Negoziare fin dall’inizio le condizioni di rientro permette di partire serenamente. In effetti, il modo migliore per reintegrarsi con successo dopo una missione espatriata a medio o lungo termine è quello di risolvere le condizioni prima ancora di partire.
Una volta stabilitosi all’estero, è necessario mantenere un rapporto con l’azienda. Scambi regolari con i suoi superiori e colleghi faciliteranno un ritorno in buoni rapporti.
Inoltre, assicurati con il tuo direttore delle risorse umane che troverai un lavoro all’interno dell’azienda al tuo ritorno. Puoi anche negoziare corsi di formazione per te e assistenza nel ritorno al lavoro del tuo coniuge.

Obblighi del datore di lavoro

L’espatrio dei dipendenti presuppone diversi doveri da parte del datore di lavoro. Doveri come l’obbligo di informare e l’obbligo di essere sicuri.
Il primo obbligo del datore di lavoro è quello di fornire al dipendente il contratto di lavoro appropriato. A seconda della durata e delle condizioni della missione. Inoltre, l’obbligo di fornire informazioni. Il datore di lavoro è tenuto a informare il dipendente che desidera mandarlo a lavorare all’estero prima della sua partenza. È inoltre responsabile della comunicazione sulle condizioni di salute e sicurezza del paese ospitante.
Infine, il datore di lavoro ha anche un obbligo di sicurezza, che va oltre il quadro professionale. La sottoscrizione di un’assicurazione specializzata appare quindi necessaria. Quando il dipendente è stato messo a disposizione di una filiale con sede all’estero, il datore di lavoro ha anche l’obbligo di rimpatriare e reintegrare.

Collaboriamo con i più grandi assicuratori del mondo

AIG
V. VV
GAN
Chubb
Mondial assistance
allianz
LLOYD'S
Swisslife
AXA
Mutuaide assistance