L’espatrio e i suoi problemi psicologici specifici

Mondassur ha intervistato Barbara Vionnet, psicologa clinica che offre consulenze di psicologia online degli espatriati. In questo articolo, fornisce le frequenti difficoltà affrontate dagli espatriati in tutto il mondo.

assicurazione-sanitaria-internazionale

Cambiamento di vita

Cambiamento di paese, quadro, ambiente professionale, sociale e culturale che può indebolire chi lo vive. Mentre l’espatrio è per alcuni uno stile di vita, per altri un’avventura e un arricchimento una tantum come nessun’altra, può anche essere agonizzante, doloroso, a volte anche molto destabilizzante e psicologicamente doloroso.
Quali sono dunque questi problemi psicologici che possono causare sofferenza in questa esperienza di grande sconvolgimento?

Perdita di punti di riferimento

Le difficoltà più comuni sono la perdita di punti di riferimento amplificati dallo shock culturale in caso di espatrio in un paese con dogane lontane dal nostro. Queste perdite di punti di riferimento sono spesso sperimentate positivamente all’inizio, una sorta di sfida intellettuale ed emotiva. Questa è la fase comunemente indicata come la “luna di miele” dell’espatriato, il tempo della scoperta, dell’esplorazione, della meraviglia. Queste perdite di punti di riferimento possono rapidamente diventare agonizzanti e destabilizzanti in una vita quotidiana che non è quella delle vacanze o durante eventi particolarmente forti emotivamente.
Per esempio, come vivere una gravidanza dall’altra parte del mondo? Una delle mie pazienti, un’espatriata in Giappone, mi ha spiegato quanto fosse angosciante per lei avere il suo follow-up di gravidanza in inglese approssimativo, con una cura e un sostegno molto diversi da quelli trovati in Francia. Questa futura madre si sentiva molto isolata in questa rivoluzione interna che è una gravidanza, senza sostenere la famiglia nelle vicinanze e afflitta da un’angoscia costante. Le difficoltà continuarono con l’arrivo del bambino con differenze culturali nella cura dei più piccoli, educazione…

Separazione, lutto…

L’espatrio, con ciò che implica cambiamenti riattiverà i problemi della separazione, del lutto. Come ricostruire una vita quotidiana in un ambiente completamente nuovo, lontano dai suoi punti di riferimento, dai suoi accessori? Questo stress iniziale affrontato da qualsiasi persona appena espatriata o si supererà per alcuni o si trasformerà in un’ansia più o meno pervasiva in altri. L’espatrio qui è un cantino con precedenti esperienze di separazione e riattiva così le esperienze di abbandono, minando, tra le altre cose, l’autostima. Trovo queste difficoltà in molti pazienti: quale posto nell’ambiente familiare e amichevole del paese d’origine essendo un espatriato? I collegamenti resistono alla distanza? Come si possono mantenere e mantenere questi legami non essendo più in prossimità geografica? Come esistere e trovare il tuo posto durante gli eventi speciali che si verificano durante l’espatrio: morte di un membro della famiglia, nascita di un bambino… Come possiamo esistere in questa famiglia e dinamica amichevole essendo geograficamente distanti?
Tutti hanno bisogno di sentirsi parte di un gruppo, di trovare posto. Quando questo luogo viene riesaminato, interrogato, esperienze depressive, deprezzamento, isolamento nonostante l’onnipresenza dei social network, può apparire.

Vagare

Un problema che trovo anche a sostegno dei miei pazienti espatriati, è quello del vagabondare, psichico e geografico. Non riuscire a stabilirsi, proiettarsi in una vita che possa essere vissuta come frammentata tra la vita nel paese d’origine e quella dell’espatriato, o tra i diversi paesi di espatrio in caso di espatriati multipli. Uno dei miei giovani pazienti, in grande difficoltà nel creare legami nel proprio paese di espatrio, mi ha spiegato quanto fosse sofferente la prospettiva di una futura separazione con possibili amici. L’isolamento era per lei una misura protettiva contro le esperienze di separazione; Questa difficoltà di ancoraggio per un dato tempo può essere espressa in diverse sfere: sociali, professionali, amichevoli…
L’espatrio può anche rendere il paese di origine diventare strano a lungo termine. Ecco perché l’impatriazione richiede anche un lavoro psichico di adattamento,la riabilitazione a volte che, quando fallisce può essere la premessa di un certo vagabondaggio.

Da solo o con la famiglia

L’espatrio può essere vissuto da soli, ma anche come una famiglia. In questo caso, l’espatriato sarà vissuto in modo diverso dai membri della famiglia, che non è privo di problemi. Per alcuni, sarà scelto, per altri, sofferto. Penso qui al cosiddetto coniuge “seguace” e ai figli, in particolare agli adolescenti. L’espatrio di famiglia farà chiedere a tutti di trovare il loro posto in questa nuova configurazione. Sono molti adolescenti, in mezzo a sconvolgimenti interni, per i quali l’esperienza dell’espatriato è sofferenza: difficoltà nel piangere i loro amici (molto importanti nell’adolescenza!), difficoltà ad adattarsi al loro nuovo ambiente. Quando gli sconvolgimenti interni sono posti in uno sfondo di mutevoli ambienti di vita,possono apparire esperienze più o meno importanti di ansia.

“Favolosa avventura”

Un’altra difficoltà affrontata dagli espatriati è più legata alle rappresentazioni sociali dell’espatriato. Culturalmente, l’esito espatriato è visto come un’opportunità da non perdere, un segno di successo, una possibilità. Avere difficoltà a vivere questa “avventura favolosa” diventa difficile da ammettere e può trasformarsi rapidamente in una sensazione di fallimento. Non posso contare quante volte i miei pazienti mi dicono che non dovrebbero lamentarsi delle loro nuove vite. Questo fattore spesso ritarda la domanda di assistenza psicologica, che molto spesso si verifica quando la persona ha esaurito tutte le altre possibili strategie.
Infine, gli espatriati, oltre alle difficoltà specifiche della situazione dell’espatriato, dovranno convivere con i loro problemi iniziali, in un nuovo ambiente, lontano dai loro parenti e dalle loro famiglie. L’espatriato, per quanto gratificante, non cancella le difficoltà iniziali.

Scopri di più su Barbara Vionnet: lavoro con pazienti espatriati da diversi anni. Questa cura offre buoni risultati a mio parere e permette, per gli espatriati e le loro famiglie, di avere un adeguato accompagnamento nella loro lingua madre ma anche, in una continuità del legame, indipendentemente dal loro percorso di espatriato.

Scopri di più su come occuparti delle consultazioni di psicologia con l’assicurazione espatriato.

Collaboriamo con i più grandi assicuratori del mondo

AIG
V. VV
GAN
Chubb
Mondial assistance
allianz
LLOYD'S
Swisslife
AXA
Mutuaide assistance