BREXIT: Cosa succederà?

23 giugno 2016 è una data che i futuri scolari ricorderanno nella storia come il giorno incui l’Europa è stata divisa. Infatti, con sorpresa di tutti, gli inglesi hanno deciso di dissociarsi dal progetto europeo al 51,9%. I negoziati tra Londra e Bruxelles per un accordo di uscita sono stati lunghi, con la formalizzazione della Brexit e dell’uscita del Regno Unito prevista per il 31 dicembre 2020. Prima di tale data, un accordo di cooperazione deve essere negoziato e firmato per evitare che le relazioni tra l’Unione europea e il Regno Unito siano dello stesso ordine di quelle che si potrebbe avere con un paese “terzo” senza alcuna storia comune o confini condivisi per secoli… Anche se le conseguenze di questo “divorzio” sono tutt’altro che prevedibili, sono già previsti diversi effetti.

mondassur-Brexit

Restituzione delle imposte doganali

È probabile che le imprese europee affrontino la questione delle tariffe. In effetti, è molto probabile che queste siano aumentate, inoltre nel caso di “No Deal” in quanto la situazione sembra profilarsi. Le conseguenze di tale aumento sono ovviamente ovvie per le imprese britanniche, ma esistono anche sul lato italiano ed europeo sia nel B2B (i prezzi praticati dai fornitori più elevati d’oltremare hanno quindi potenzialmente un impatto sulla redditività, le difficoltà nell’esportare prodotti italiani) che nel B2C (tasse doganali da aggiungere all’affrancatura).

Avrai bisogno di un visto per viaggiare o lavorare nel Regno Unito?

Una volta che la Brexit è efficace, sembra concepibile che sarebbe necessario ottenere un visto per viaggiare o lavorare nel Regno Unito, soprattutto perché gli inglesi non hanno mai fatto parte dello spazio Schengen.

Quali sono le conseguenze per i turisti italiani, gli studenti e gli espatriati nel Regno Unito?

Qualunque siano le ragioni per viaggiare nel Regno Unito, va da sé che il costo della vita, già molto elevato nella capitale, sarà ancora più alto. Pertanto, il budget di viaggio o il bilancio giornaliero per la vita dovranno necessariamente essere rivisti verso l’alto. La questione dei visti di cui sopra può non sorgere per soggiorni brevi, ma è sicuramente da considerare per soggiorni più lunghi ed espatriati. Tutti i problemi dell’assicurazione sanitaria dovranno inoltre essere attentamente monitorati,né la Tessera europea di assicurazione sanitaria funzionerà.

Brexit: una sfida che si presenta agli inglesi

La Brexit fa rivivere i vari desideri di indipendenza dell’Irlanda e della Scozia piuttosto europeisti. D’altra parte, molti sono preoccupati per l’impatto della Brexit sull’attrattiva del paese, in particolare per i potenziali investitori. C’è anche la questione della creazione di una nuova piazza finanziaria in Europa. Francoforte o Parigi potrebbero quindi approfittare di questa opportunità per diventare il luogo di creazione di un nuovo luogo economico europeo. Così, i britannici dovranno affrettarsi a rendere la Brexit praticabile creando una vera e propria serie di accordi sui temi del libero scambio, dell’immigrazione, dei programmi di finanziamento dell’Unione europea… Da entrambe le parti, le domande sono numerose e l’esito delle discussioni dovrebbe essere riscaldato per gli anni a venire…

Collaboriamo con i più grandi assicuratori del mondo

AIG
V. VV
GAN
Chubb
Mondial assistance
allianz
LLOYD'S
Swisslife
AXA
Mutuaide assistance